Elaborazione in corso...
CARDIO-CHIRURGIA.COM/Fibrillazione atriale
Logo domenica 22 ottobre 2017
CardiochirurgiaInterviste del Prof. Khalil FattouchVideo GalleryPhotogalleryContattiCongressi e meetingsComunicati stampa

Equipe Chirurgica

Dr. Khalil Fattouch

Dr. Francesco Guccione

Dr. Nicola Adragna

Dr. Giuseppe Indellicati

Equipe medica

Dott. Khalil Fattouch

Dott. Francesco Guccione

Dott. Nicola Adragna

Dott. Giuseppe Indellicati

Dott. Giuseppe Bianco

Dott. Giuseppe Di Modica

Dott. Pietro Dioguardi

Chi siamo

La Struttura

Ricerca clinica e sperimentale

Ricostruzione Radice Aortica

Plastica valvolare Aortica

Plastica valvolare Mitrale

Progetti

Brevetti

Sistema per anuloplastica valvolare aortico

Monografie

Stenosi Valvolare Aortica

Radice Aortica

Aneurisma Aorta Ascendente

Tricuspide

IM degenerativa

Pazienti

Anatomia del Cuore

Valvole Cardiache

La coronarografia

Intervento di Bypass

Plastica Mitrale

Plastica Aortica

Sostituzione Valvolare

Aneurisma Aortico

Endocarditi


News


  • Innovazione chirurgica mitralica
    <br/>...
    Leggi tutto...

  • Mitral Conclave di New York 2017
    Il Professor Khalil Fattouch, Responsabile de...
    Leggi tutto...

  • Nuova tecnica per sostituire le valvole cardiache
    Nuova tecnica per sostituire le valvole cardiache,...
    Leggi tutto...

  • Mitral Conclave 2015 di New York
    Mitral Conclave 2015 di New York, il 2% degli ital...
    Leggi tutto...

  • Tecniche mini-invasive video assistite
    Maria Eleonora Hospital: per...
    Leggi tutto...

  • Maria Eleonora Hospital
    Per la prima volta in Sicilia al Maria Eleonora Ho...
    Leggi tutto...

  • Il cuore in corsia
    Il cuore in corsia (ma senza invadere) ...
    Leggi tutto...

  • Accademia della Società Europea di Chirurgia Cardiothoracica
    Il prof. K. fattouch è membro dell'Accademia della...
    Leggi tutto...

  • Le anomalie strutturali e funzionali delle valvole cardiache
    ...
    Leggi tutto...

  • Congresso europeo sulle valvulopatie
    Nuova edizione a cura del Prof Khalil Fattouch del...
    Leggi tutto...

  • Pubblicato il Libro - Secondary Mitral Valve Regurgitation
    Secondary Mitral Valve Regurgitation”, pubblicato ...
    Leggi tutto...

  • Innovazione Chirurgia Mitralica
    Innovazione nella Chirurgia Mitralica ...
    Leggi tutto...

  • Echo Meeting With the Mayo Clinic
    Echo Meeting With the Mayo Clinic,Palermo Palazzo ...
    Leggi tutto...



Fibrillazione atriale

Ablazione Fibrillazione Atriale

 

La fibrillazione atriale è il tipo più frequente di disturbo del ritmo cardiaco; gli atri del cuore non battono più regolarmente bensì troppo velocemente, irregolarmente e in modo scoordinato. Ne consegue che il cuore non è più in grado di spingere abbastanza sangue nella circolazione. La fibrillazione atriale è causata da una specie di "tempesta elettrica" nel sistema di conduzione dello stimolo del cuore. Le attività di pompaggio degli atri e dei ventricoli del cuore non sono più armonizzate tra loro, per cui l’efficienza del cuore. A breve termine i ventricoli possono compensare questa diminuzione dell’efficienza, ma, se la fibrillazione atriale dura a lungo, i ventricoli sono sovraccaricati di lavoro e può svilupparsi un’insufficienza cardiaca.

 

CLASSIFICAZIONE

•Fibrillazione atriale parossistica: si manifesta a crisi, non dura più di sette giorni e cessa spontaneamente.
•Fibrillazione atriale persistente: dura più di sette giorni e non cessa spontaneamente.
•Fibrillazione atriale permanente: dura da più di sei mesi


La fibrillazione atriale si manifesta soprattutto in persone di più di 60 anni. Il 4 % degli ultrasessantenni ne soffre, e nei soggetti oltre gli 85 anni addirittura il 10 %. La fibrillazione atriale può manifestarsi assieme ad altre cardiopatie o come disturbo isolato. In Italia 1 su 100 soffre di FA Nei pazienti colpiti cresce non solo il rischio di mortalità ma anche quello di malattia, perché la fibrillazione atriale è una causa importante di degenza in ospedale.


CAUSE:

La fibrillazione atriale può essere provocata da:
- cardiopatia preesistente, per esempio un’insufficienza cardiaca o un infarto cardiaco;
- l’alcoolismo;
- l’iperfunzione della tiroide;.


La fibrillazione atriale è una malattia complessa, progressiva e potenzialmente pericolosa con molteplici ripercussioni sul sistema cardiovascolare.

Ictus cerebrale

E’ la complicazione più grave della fibrillazione atriale. Le contrazioni irregolari degli atri comportano una maggiore probabilità di formazione di coaguli di sangue nel cuore che possono essere trasportati nella circolazione sanguigna. Se uno di questi (coaguli) occlude un’arteria cerebrale ne consegue un ictus cerebrale ischemico.

Insufficienza cardiaca

La fibrillazione atriale pregiudica la funzionalità cardiaca e può così causare un’insufficienza cardiaca. Per compensare il minor flusso sanguigno che si ha nella fibrillazione atriale, in un primo tempo si dilatano gli atri, poi i ventricoli. Si verifica una fibrosi del tessuto cardiaco e le cellule muscolari del cuore si modificano. Col tempo si sviluppa un’insufficienza cardiaca.

Arresto cardiocircolatorio

La fibrillazione atriale aumenta anche del 31 % il rischio di morte cardiaca improvvisa.

TERAPIA

L’obiettivo è ripristinare il ritmo cardiaco normale. In tal senso si interviene in 2 modi:


1) con la cardioversione (regolazione del ritmo cardiaco); questa può essere:

- Elettrica (defibrillazione): in condizioni controllate si invia al cuore una scarica di corrente che interrompe la fibrillazione atriale e ristabilisce il ritmo cardiaco normale.
- Farmacologica (impiego di farmaci anti-aritmici).


2) con la profilassi delle recidive: terapie mediche che impediscono all’aritmia di ripresentarsi; questa può essere:

- Farmacologica (impiego di farmaci anti-aritmici)
- Non Farmacologica: mediante un intervento chiamato ablazione.

L’ablazione può essere:

transcatetere (quest’intervento, applicabile solo a pochi pazienti, mira, tramite una sottile sonda introdotta attraverso la vena femorale, a distruggere il tessuto responsabile della FA)
chirurgica (si esegue un intervento con apertura della gabbia toracica oppure con mini-toracotomia in via endoscopica.


INNOVAZIONI E NUOVE TECNICHE DI TRATTAMENTO DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

E' di recente insorgenza, sulla base e le conoscenze di una tecnica ormai consolidata come la Maze-procedure, l'impiego di dispositivi di ultima generazione nel trattamento della fibrillazione atriale. A Villa Maria Eleonora hospital è possibile sottoporsi ad interventi di ablazione in minitoracotomia anteriore dx. Questa tecnica, sulla base degli ultimi lavori scientifici pubblicati sulle riviste internazionali, risulta avere migliori risultati in termini di recidive e comorbidità in quanto la ablazione viene eseguita in modo continuo creando delle "lesioni" a carico delle vene polmonari.  












 

Newsletter

Iscriviti  Cancellati   |  E-mail *    |  Privacy  |